Il campionato moldavo e il furto del secolo

Fonte: milsami.md

Fonte: milsami.md

Damiano Benzoni

* Si ringrazia per lo spunto e la collaborazione Simone Piras

È caduto lo Sheriff Tiraspol: la squadra transnistriana, 13 volte campione di Moldova negli ultimi 14 anni, non è riuscita a classificarsi tra le prime due squadre della Divizia Națională per la prima volta dal 1999. A scippare il titolo allo Sheriff è stato il Milsami Orhei che, battendo il Dacia Chişinău 2-1 nell’ultima giornata, si è laureato campione del piccolo paese ex sovietico per la prima volta nella sua storia. Ai vertici del club di Orhei, però, spicca un personaggio controverso. Si tratta di Ilan Shor, uomo di affari milionario di origine israeliana, presidente del Consiglio di Amministrazione della Banca di Economia di Moldova (BEM) e membro del CdA dell’Aeroporto Internazionale di Chişinău. Negli ultimi mesi, Shor è al centro del principale argomento delle notizie del paese, essendo indagato per il fallimento della BEM e per aver causato un buco finanziario da 18 miliardi di lei (quasi un miliardo di euro) in tre istituti di credito tra il 2012 e il 2014. Continua a leggere