Il mese del ciclismo turkmeno

1540286880

Damiano Benzoni

Non si ferma la vocazione sportiva del presidente del Turkmenistan Gurbanguly Berdimuhammedow, degno successore del culto della personalità del dittatore (o meglio “presidente a vita”) Saparmyrat Nyýazow, detto Türkmenbaşy, “guida di tutti i turkmeni”. Tra le imprese di Nyýazow si ricordano la decisione di mettere al bando il balletto, di rinominare i mesi dell’anno e di cambiare la parola “pane” nel nome della madre, oltre alla costruzione di un’enorme statua d’oro nella capitale Aşgabat e di un palazzetto del ghiaccio nel mezzo del deserto del Karakum e all’istituzione del culto del Ruhnama, un testo sacro da lui stesso redatto. Berdimuhammedow non ha cambiato sostanzialmente lo stile di Türkmenbaşy, ma nel suo culto della personalità si legge una forte attenzione nei confronti dello sport.

Rieletto lo scorso anno con il 97% dei voti, il presidente turkmeno sta spingendo perché il suo paese vinca la sua prima medaglia. A Londra 2012, però, il miglior risultato del Turkmenistan è stato il sesto posto di Ümürbek Bazarbaýew nel sollevamento pesi, e la delegazione centrasiatica ha fatto più notizia per la squalifica dell’arbitro di boxe Işanguly Meretnyýazow. Sembra però che gli occhi di Berdimuhammedow siano puntati ai giochi invernali di Soči: l’anno scorso il presidente aveva mostrato una certa continuità con l’amore per i palazzetti del ghiaccio del suo predecessore, facendone edificare due nella capitale e ordinando alle imprese statali e ai dipartimenti governativi di allestire squadre di hockey su ghiaccio per creare una lega nazionale.

Berdimuhammedow ha fatto diverse apparizioni pubbliche praticando diverse discipline sportive: dalla pallavolo al judo, dal taekwondo all’equitazione; secondo i comunicati delle agenzie di stampa statali turkmene, addirittura avrebbe vinto la prima gara automobilistica mai disputata in Turkmenistan, dopo aver deciso di partecipare all’ultimo minuto. Il suo amore per i tipici cavalli turkmeni, gli Ahal-teke, l’ha portato a vincere una gara di equitazione, terminata però con una caduta – diligentemente oscurata dalla televisione di stato – una ventina di metri dopo il traguardo. Dalla sella degli Ahal-teke, Berdimuhammedow sembra essere passato alla sella di una bicicletta: il 3 agosto, seguito da diversi funzionari, ha compiuto un giro in bicicletta alle prime luci del giorno. Si tratta, secondo la televisione di stato, dell’inizio di una campagna mensile, intitolata “Sicurezza del Movimento del Traffico sulla Strada e Benessere della Nostra Vita”: per un mese, a partire dal primo settembre, si terranno biciclettate di massa in tutto il Turkmenistan. La popolazione è stata invitata ad allenarsi il più possibile in vista dell’inizio della campagna e, per la tv di stato: “Il ciclismo dovrebbe essere parte dell’attività regolare della gente. Le scuole di sport nella capitale e nelle province dovrebbero preparare una road-map per migliorare le attività ciclistiche”. Il giorno dopo la biciclettata di Berdimuhammedow, nella periferia di Aşgabat si è tenuta una prima biciclettata di massa. Secondo Radio Free Europe/Radio Liberty, un dipendente del governo si sarebbe dichiarato sollevato del fatto che le biciclette fossero state fornite: “Di solito le persone che partecipano a eventi statali devono acquistare il proprio equipaggiamento, ma sono felice che non ci abbiano chiesto di comprare le biciclette”. Le biciclette utilizzate erano di importazione e il loro costo – 200 dollari – è pari al salario mensile medio in Turkmenistan.

http://www.rferl.org/media/video/25068666.html

3 pensieri su “Il mese del ciclismo turkmeno

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...