Egiziane a digiuno

299110_heroa

Damiano Benzoni

Sconfitte per al-Ahly e Zamalek, le due squadre impegnate nella Champions League africana. Nella seconda giornata della fase a gironi, lo Zamalek ha ceduto il passo per 1-0 alla squadra congolese dei Léopards, concedendo rete su rigore, mentre i campioni in carica dell’al-Ahly sono crollati per 3-0 contro i sudafricani Orlando Pirates, subendo la prima rete dopo undici minuti e concedendo le successive due a un quarto d’ora dalla fine. Entrambe le partite sono state segnate dalla loro concomitanza con il Ramadan, il mese di digiuno osservato dagli atleti musulmani delle due squadre. Recentemente un articolo di CalcioLab aveva quantificato il calo di prestazione dovuto al digiuno rituale: il 20% in meno, tuttavia variabile secondo le abitudini del calciatore, il suo modo di affrontarlo e la capacità dei club di disporre percorsi nutrizionali e di allenamento per far fronte al cambio di ritmi e al digiuno diurno.

Il problema Ramadan si era già palesato in occasione della prima giornata, quando il derby del Cairo tra le due squadre era stato rinviato e spostato, per ragioni di sicurezza legate all’attuale situazione del paese, allo stadio di el-Gouna, località del mar Rosso a oltre 400 chilometri dalla capitale egiziana. Non essendo presente un impianto di illuminazione, la partita si era dovuta disputare sotto il torrido sole del pomeriggio; nonostante questo, i giocatori si erano rifiutati di rompere il digiuno. L’incontro era terminato 1-1: un rigore del giocatore simbolo dell’al-Ahly, Mohamed Aboutreika, aveva vanificato il vantaggio dello Zamalek siglato da Gaafar all’8’. Secondo Ahram le due squadre “hanno faticato a muovere la palla nel secondo tempo”.

L’al-Ahly ha dovuto disputare l’incontro con gli Orlando Pirates nuovamente nello stadio di el-Gouna e ha richiesto il rinvio della gara di cinque giorni, perché si potesse disputare dopo la fine del mese del digiuno. Una richiesta rifiutata dalla confederazione africana. Anche l’incontro dello Zamalek con i Léopards presso lo stadio Denis Sassou Nguesso di Dolisier si è disputato nel pomeriggio, con il calcio d’inizio previsto per le 15:30. Il difensore dello Zamalek Mahmoud Fathallah ha dichiarato: “L’allenatore Helmi Toulan ci ha detto che siamo liberi di decidere se digiunare o no. Sappiamo che digiunare sicuramente ci condizionerà, ma tutti i giocatori sono determinati a non rompere il proprio digiuno”.

Un pensiero su “Egiziane a digiuno

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...