Rassegna Olimpica [parte IV]

Rassegna Olimpica – parte 4 (04.08.2012 – 06.08.2012)

[La Rassegna Olimpica di Dinamo Babel] [Parte III] [Parte V]

6 AGOSTO

Oggi si assegnano medaglie per: atletica leggera maschile (400 m, 400 m ostacoli) e femminile (3000 siepi, salto con l’asta, getto del disco), ciclismo su pista maschile (sprint), equitazione (salto ostacoli a squadre), ginnastica artistica maschile (volteggio, anelli) e femminile (parallele asimmetriche), vela maschile (laser) e femminile (laser radial), tiro maschile (carabina 50 m, trap), sollevamento pesi maschile (105 kg), lotta greco-romana maschile (60 kg, 84 kg, 120 kg).

Prime medaglie per Cipro e Grenada. Grenada e Cipro, due ex colonie britanniche, vincono la prima medaglia della loro storia alle Olimpiadi, e per i caraibici è addirittura un oro. Kirani James ha infatti vinto la gara dei 400 m con un tempo di 43,94 secondi, di fronte a Luguelín Santos della Repubblica Dominicana e a Lalonde Gordon di Trinidad e Tobago. Grenada ha partecipato alla sua prima Olimpiade nel 1984, dieci anni dopo la propria indipendenza dal Regno Unito. Sempre nei 400 m l’isola era arrivata a un soffio dalla medaglia nel 2004, quando Alleyne Francique arrivò quarto. La medaglia cipriota è invce un argento, vinto dal velista Pavlos Kontides nella classe Laser. Cipro ha partecipato a ogni edizione dei giochi a partire dal 1980, vent’anni dopo l’indipendenza dal Regno Unito. I ciprioti nel 2008 avevano sfiorato la medaglia nello skeet, disciplina nella quale avevano già ottenuto buoni risultati, piazzando due atleti – Antonis Nicolaides e Georgios Achilleos – al quarto e quinto posto della classifica. Già un cipriota aveva vinto una medaglia, concorrendo però sotto la bandiera della Grecia: Ioannis Frangoudis partecipò alle prime Olimpiadi nel 1896, vincendo l’oro nella rivoltella libera.

Squalifica per scarso impegno. Dopo l’esclusione delle otto giocatrici di badminton per aver giocato a perdere, un atleta algerino ha rischiato una squalifica per scarso impegno. Taoufik Makhloufi si era qualificato domenica per la finale dei 1500 m e aveva chiesto di non correre più l’altra gara cui partecipava, gli 800 m, ma il suo comitato olimpico nazionale non avrebbe chiesto il ritiro per l’atleta per tempo, a quanto riporta il Telegraph. Costretto a correre la batteria degli 800 m, Makhloufi ha trotterellato per 150 m prima di ritirarsi, attirandosi una squalifica: “Non c’è stato uno sforzo in buona fede da parte dell’atleta e l’arbitro ha deciso di escluderlo dalla partecipazione a ogni altro evento di questa competizione”. LOCOG, il comitato organizzatore dei giochi, ha successivamente revocato la squalifica.

5 AGOSTO

Oggi si assegnano medaglie per: atletica maschile (100 m, 3000 siepi, lancio del martello) e femminile (400 m, salto triplo), maratona), badminton maschile (singolo e doppio), ciclismo su pista maschile (omnium), tuffi femminili (trampolino 3 m), scherma maschile (fioretto a squadre), ginnastica maschile (corpo libero e cavallo) e femminile (volteggio), vela maschile (finn e star), tiro maschile (pistola 50 m), tennis (singolo maschile, doppio femminile, doppio misto), lotta greco-romana (55 kg, 74 kg).

Non medagliate. Torniamo a monitorare le nazioni che non hanno mai vinto una medaglia olimpica, dopo che il Guatemala ha lasciato il gruppo con l’argento di Barrondo nella 20 km di marcia. Lo stesso giorno Alessandra Perilli di San Marino mancava di un soffio il podio nel trap femminile, mentre il giorno successivo la quattrocentometrista del Botswana Amantle Montsho chiudeva la corsa a soli tre centesimi dal bronzo. Nell’atletica bene anche Robert Kajuga (Ruanda), quattordicesimo nei 10000 m  maschili, il gambiano Suwaibou Sanneh e Antoine Adams di San Kitts e Nevis, entrambi alle semifinali dei 100 m maschili, e il tagiko Dilšod Nazarov, decimo nella finale del lancio del martello. Nel sollevamento pesi la samoana Ele Opeloge si è classificata sesta nella categoria 75 kg, mentre nel tennis il cipriota Marcos Baghdatis ha raggiunto gli ottavi di finale del torneo singolo maschile. Buoni risultati anche nel judo, con Adysângela Moniz di Capo Verde e Ricardo Blas, Jr. di Guam arrivati agli ottavi dei rispettivi tornei.

4 AGOSTO

Oggi si assegnano medaglie per: atletica leggera maschile (marcia 20 km, salto in lungo, 10000 m) e femminile (eptathlon, lancio del disco, 100 m), badminton femminile (singolo e doppio), ciclismo femminile (inseguimento a squadre), scherma femminile (spada a squadre), ginnastica femminile (trampolino), cannottaggio maschile (quattro senza, due di coppia p.l.) e femminile (due di coppia p.l., singolo), tiro femminile (carabina 50 m tre posizioni, trap), nuoto maschile (1500  stile libero, staffetta 4×100 misto) e femminile (50 stile libero, staffetta 4×100 misto), tennis maschile (doppio) e femminile (singolo), triathlon femminile, sollevamento pesi maschile (94 kg).

Prima medaglia della storia per il Guatemala. Erick Bernabé Barrondo García, a 21 anni, è entrato nella storia vincendo la prima medaglia nella storia olimpica guatemalteca nella 20 km di marcia. García ha terminato la gara con un tempo di 1:18:57, con appena 11 secondi di distacco dal campione cinese Chen Ding e con due secondi di vantaggio sul precedente record olimpico fissato da Robert Korzeniowski ai giochi di Sydney nel 2000. La migliore prestazione del Guatemala fino a oggi era stata ai giochi di Atene 2004 nel taekwondo femminile: Heidy Juárez, nella categoria 67 kg, dopo esser stata eliminata ai quarti superò due ripescaggi e arrivo a disputare la finale per la medaglia di bronzo, persa 5-2 contro la sud-coreana Hwang Kyung-Sun.

In fuga dal ministro. Un judoka georgiano, Betkil Shuk’vani, è scappato dalla finestra del suo appartamento nel villaggio olimpico e ha fatto ritorno al suo paese, dichiarando di averlo fatto per evitare un pestaggio e in seguito a forti pressioni politiche. Abbiamo deciso di approfondire la storia, che vi raccontiamo qui.

Pistorius in corsa. Dopo diverse polemiche, alla fine Oscar Pistorius, atleta sudafricano e amputato a entrambe le gambe, è entrato nella storia diventando il primo atleta a disputare una gara olimpica di atletica con un handicap motorio. Pistorius è arrivato secondo nella batteria di qualificazione dei 400 m con un tempo di 45,44 secondi, alle spalle del dominicano Luguelín Santos, e si è qualificato per la semifinale. Per qualche altra informazione sul perché Pistorius non è il primo amputato a partecipare alle Olimpiadi, vi rimando all’interessante articolo dell’amico Massimo Brignolo nel suo blog su Blogosfere.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...